Da quest’anno l’abbonamento alla TV pubblica si paga

con la bolletta elettrica e il suo importo scende da 113,50 euro a 100 euro da suddividere in 10 rate mensili.

La legge di Stabilità per il 2016, infatti, ha apportato rilevanti novità in materia di canone RAI prevedendo il pagamento rateale del canone con addebitato sulle fatture emesse dalle aziende di distribuzione di energia elettrica.

L’obbligo di pagamento del Canone RAI è disciplinato dal R.D.L. 21 febbraio 1938, n. 246, convertito dalla Legge 4 giugno 1938, n. 880 (“Disciplina degli abbonamenti alle radioaudizioni”), le cui disposizioni sono state in parte modificate dalla Legge di Stabilità per il 2016 (L. n. 208 del

Ci sono però dei casi di esonero del pagamento del canone, previsto, per determinate categorie; in particolare sui soggetti di età pari o superiore a 75 anni di età che al ricorrere di determinate condizioni possono richiedere l’esonero del pagamento con altra modalità di pagamento.

Possono beneficiare dell’esenzione del pagamento del canone Rai i seguenti soggetti:

  • persone di età pari o superiore a 75 anni con reddito annuo non superiore a 6.713,98 euro.

  • rivenditori e riparatori di televisori;

  • ospedali militari, Case del soldato o Sale convegno dei militari delle Forze armate italiane (mentre il canone deve essere pagato dal militare che abbia un apparecchio nell’alloggio privato ubicato in dette strutture);

  • agenti diplomatici e consolari, se stranieri accreditati in Italia e a condizione che nel paese da loro rappresentato pure i rappresentanti diplomatici italiani ivi accreditati godano del medesimo trattamento.

     

    La Legge di Stabilità 2016 al comma 160 prevede che per gli anni dal 2016 al 2018, le eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento alla televisione rispetto alle somme già iscritte a tale titolo nel bilancio di previsione per l'anno 2016 sono riversate all'Erario per una quota pari al 33 per cento del loro ammontare per l'anno 2016 e del 50 per cento per 42 ciascuno degli anni 2017 e 2018, per essere destinate:

  • all'ampliamento sino ad euro 8.000 della soglia reddituale prevista dall'articolo 1, comma 132, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244, ai fini della esenzione dal pagamento del canone di abbonamento televisivo in favore di soggetti di età pari o superiore a settantacinque anni…..

 

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.