Professionisti al servizio di imprese e lavoratori.

Ricevi consulenza del lavoro online

Ricevi consulenza on line

Sulla base di una vostra domanda un parere, redatto e sottoscritto da un professionista abilitato

Continua a leggere ...

Ricevi consulenza del lavoro online

Consulente del lavoro on line

La gestione delle risorse umane delle grandi, medie e piccole imprese on line.

Continua a leggere ...

Ricevi consulenza del lavoro online

Consulenza per professionisti

Servizio che si rivolge a tutti i Professionisti che non si occupano direttamente di consulenza del lavoro

Continua a leggere ...

La ritenuta del contribuente minimoL’articolo 27, D.L. n. 98/2011 (c.d. “Manovra correttiva”), ha modificato radicalmente il regime dei contribuenti minimi, introdotto dalla Legge n. 244/2007 (art. 1, commi da 96 a 117).

 In particolare la citata disposizione ha previsto che, dal 1° gennaio 2012, la sostituzione del regime dei contribuenti minimi con i seguenti due nuovi regimi “agevolati”:

  • uno denominato “ Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità ”, definibile come nuovo regime dei minimi;
  • l’altro, residuale, denominato “ Regime contabile agevolato ”, definibile come regime degli “ex minimi”.

Le principali modifiche apportate dalla c.d. “Manovra correttiva” al “vecchio” regime dei contribuenti minimi, riguardano:

  • la trasformazione dello stesso da regime a durata i llimitata a regime di durata limitata nel tempo, riservato ai soggetti che intraprendono una nuova attività e, in via transitoria, a coloro che l’hanno iniziata dal 1° gennaio 2008;
  • la riduzione dell’aliquota dell’imposta sostitutiva dal 20% al 5% del reddito netto. 

Per i contribuenti che beneficiano del regime fiscale di vantaggio, il reddito d’impresa o di lavoro autonomo è costituito  dalla differenza tra l’ammontare dei ricavi/compensi percepiti nel periodo d’imposta e le spese inerenti l’attività svolta sostenute nello stesso periodo.

Concorrono altresì alla formazione del reddito le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all’attività d’impresa o di lavoro autonomo. Per tutti i contribuenti in questione, quindi anche per gli esercenti attività d’impresa, vale il principio di cassa.

Pertanto l’imputazione dei ricavi o dei compensi deve essere effettuato nel periodo d’impos ta in cui sono effettivamente percepiti. Anche per quanto riguarda le spese, deve farsi riferimento al periodo d’imposta di loro effettivo sostenimento.

Se nel corso dell’anno sono svolte più attività, è necessario verificare se per tutte vi sono i requisiti per aderire al regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (l’adesione al regime infatti riguarda la posizione del contribuente considerata nel suo insieme e non la specifica attività esercitata). In caso contrario, l’accesso al regime agevolato è precluso a qualsiasi attività e dovrà essere compilato l’apposito quadro RF e/o RG e/o RD e/o RE.  

ll provvedimento del 22.12.2011 ha previsto che il reddito, determinato secondo le regole stabilite per il vecchio regime dei minimi, vada assoggettato all'imposta sostitutiva del 5%.

Data l'esiguità del prelievo, è stato stabilito che al pagamento dei compensi/corrispettivi non si debba applicare la ritenuta d'acconto , in modo da evitare l'insorgere di crediti d'imposta strutturali. A tal fine è necessario rilasciare un'apposita dichiarazione dalla quale risulti che i compensi/corrispettivi concorrono a formare un reddito di lavoro autonomo (generalmente assoggettato a una ritenuta d'acconto del 20%) o d'impresa (come nel caso di ricavi per intermediazi oni assoggettati a ritenuta d'acconto) già assoggettato a imposta sostitutiva .  

Fonte: Fiscal Focus


Consulenza del lavoro

In qualsiasi attività produttiva la gestione e la pianificazione delle Risorse Umane rappresentano gli elementi fondanti di una buona crescita ...

Continua a leggere ...

Settore Legale

Consulenti e Lavoro presta assistenza, sia essa giudiziale che stragiudiziale, in materia di diritto del lavoro, sindacale e della previdenza sociale ...

Continua a leggere ...

Consulenza societaria

Valutiamo la forma giuridica più opportuna per il conseguimento degli obiettivi aziendali e forniamo la consulenza ed il supporto necessario per le varie ...

Continua a leggere ...

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.